/ Attualità

Attualità | 27 agosto 2022, 18:14

Il nido di Torre Pellice riapre il 1° settembre, mentre il Comune approva il nuovo progetto

A breve verrà lanciata la gara per individuare una ditta che concluda i lavori di efficientamento energetico, dopo l’allontanamento della Cogeas

Il nido di Torre Pellice riapre il 1° settembre, mentre il Comune approva il nuovo progetto

Il primo settembre il nido di via Guillestre a Torre Pellice aprirà i battenti sotto la nuova gestione della cooperativa Valdocco, nel frattempo, la Giunta comunale ha approvato il nuovo progetto per chiudere i lavori di efficientamento energetico.

La struttura è stata al centro di timori di chiusura per una situazione complicata sul fronte dei conti e i dubbi sono stati dissipati solo in un incontro tra il sindaco Marco Cogno, l’assessore Giovanni Borgarello e i genitori, che si è tenuto lo scorso 19 luglio.

Negli ultimi anni il disavanzo si aggira sui 90 mila euro e questo ha imposto al Comune di rivedere il servizio, riducendo le opzioni di part-time e i posti a disposizione a una ventina. Nel frattempo è stato individuato anche un nuovo gestore, la cooperativa Valdocco di Torino, che se ne occuperà per un anno. Anno che inizierà ancora a Luserna San Giovanni, negli spazi concessi dalla parrocchia, mentre Torre Pellice cercherà di portare a termine i lavori di efficientamento energetico, iniziati nel febbraio 2020, ma fermatisi presto per problemi strutturali, a cui il Comune ha messo una pezza, ma la ditta Cogeas non ha più voluto andare avanti con i lavori e si è aperto un contenzioso in Tribunale, con un consulente incaricato dal giudice di dipanare la matassa entro il 22 settembre.

Torre ha sciolto anche l’accordo con il precedente progettista e il 17 agosto ha approvato il nuovo progetto esecutivo redatto dall’ingegner Andrea Durando di Pinerolo.

“Abbiamo verificato che potevamo andare avanti con l’iter e ora lanceremo la gara per trovare una nuova ditta, poiché non vogliamo perdere il finanziamento di 290 mila euro ottenuto dalla Regione per il finanziamento energetico – precisa Cogno –. La precedente impresa ha svolto solo una piccola parte dei lavori, quindi c’è tanto da fare”.

La spesa complessiva, tra opere di completamento e costo materie prime, è lievitata a 470mila euro, rispetto ai 437mila di prima, e al momento la Regione ha concesso tempo fino al 30 novembre per chiudere i lavori, anche se il Comune ha chiesto un’ulteriore proroga.

Marco Bertello

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium