/ Attualità

Attualità | 23 giugno 2022, 13:10

Luserna San Giovanni: raccolgono un mucchio di rifiuti abbandonati, ma non possono scaricarli tutti all’ecoisola [FOTO]

I volontari hanno dovuto lasciare sul posto una parte del materiale, che avevano rimosso da prati e corsi d’acqua. Acea spiega il perché

La raccolta di sabato

La raccolta di sabato

Sono tornati a pulire il torrente Pellice e i dintorni dell’ecoisola di Luserna San Giovanni riempiendo un camioncino di immondizia, ma una parte di rifiuti l’hanno dovuta lasciare dove l’avevano presa.

Sabato mattina, il gruppo di volontari che già aveva pulito la zona a maggio, in occasione di un’iniziativa della fondazione Una (Uomo, natura, ambiente), è tornato sul posto per completare il lavoro di rimozione, ma non tutto è andato liscio: “Abbiamo ulteriormente ripulito il canale di fronte all’ecoisola, il prato vicino, il fondo torrente Angrogna – racconta uno dei volontari, Adriano Odino – e abbiamo trovato un po’ di tutto: seggiole, scarpe, televisori, gomme di auto, una gomma di trattore, nylon, teli di plastica, lana di vetro. Ma la cosa incredibile è stata che l’ecoisola non voleva accettare nulla, in quanto ritenuti materiali non idonei”. Dopo una discussione, i volontari sarebbero riusciti a far accettare almeno una parte del carico del camioncino: “Per fortuna una persona di buon senso ci ha fatto scaricare ciò che era accettabile e il resto, tra cui le gomme, un telo bituminoso e della lana di vetro, lo abbiamo però dovuto lasciare fuori, lì vicino, dove l’avevamo prelevato”.

E il mucchio di gomme, in particolare, è ben visibile proprio accanto all’ingresso dell’ecoisola: “Prima di entrare, sulla sinistra, ormai c’è una montagna di materiale che non viene accettato tra cui moltissime gomme anche di grandi dimensioni, ne abbiamo contate una trentina. Perché non vengono ritirate?” si domanda Odino.

Interpellata, l’Acea risponde che non è autorizzata a ritirare materiali come la lana di vetro o teli bituminosi, che rientrano nella categoria dei rifiuti speciali per cui è necessario concordare il ritiro attraverso ditte specializzate, pagando il servizio. Attraverso Acea è possibile concordare il ritiro e ottenere un preventivo, ai seguenti contatti: roberto.salerno@aceapinerolese.it, area.ambiente@aceapinerolese.it, 0121 236439/236412.

Per quanto riguarda le gomme la questione è diversa: le ecoisole Acea, infatti, accettano non più di due gomme per ogni conferimento perché, spiegano: “Ci sono le filiere preposte che ritirano e smaltiscono direttamente dai venditori/produttori e per una questione logistica: l’ecoisola è rivolta a cittadini e non a grandi quantità provenienti da attività industriali”.

In caso di iniziative di raccolta di rifiuti, consiglia di rivolgersi all’ufficio ambiente o tecnico del Comune che dovrà chiedere preventivo ad Acea per prelevarle il materiale che non è scaricabile in ecoisola. “Intraprenderemo questa strada chiedendo ad Acea di intervenire – assicura il sindaco di Luserna San Giovanni, Duilio Canale –. Quel cumulo di gomme, che pensiamo siano state abbandonate da una azienda e non da privati cittadini, è una dimostrazione della maleducazione delle persone”.

Elisa Rollino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium