/ Politica

Politica | 19 febbraio 2021, 12:35

Restagno (Pinerolo Rinasce) alla vigilia dell’incontro con il Pd: “La Città ha bisogno di progetti non di casacche politiche”

Domani il gruppo presenterà il simbolo e la candidatura di Roberto Prinzio

Claudio Restagno

Claudio Restagno

Pinerolo Rinasce domani presenterà il suo simbolo e Roberto Prinzio annuncerà la sua disponibilità a fare il candidato sindaco. Lunedì invece dovrebbe tenersi un incontro con il Pd, che promette scintille, dopo l’evoluzione delle ultime settimane.

Pinerolo Rinasce è uno schieramento civico-politico che ha come riferimento l’ex sindaco di Villar Perosa e ha il sostegno di Italia Viva, Azione e Rete bianca.

Domani mattina ai giornalisti verrà presentato il simbolo della lista e Prinzio solleverà il velo su una sua candidatura, di cui si parla da tempo.

Lo schieramento, però, è in movimento per cercare alleanze in vista delle elezioni comunali di quest'anno e sta parlando con centrosinistra e centrodestra. Il dialogo con il Pd è affidato a Claudio Restagno, ex sindaco di Vigone, e la strada pare in salita.

Un incontro si era già tenuto un paio di settimane fa, e poco dopo Pinerolo Rinasce aveva appreso a sorpresa del lancio della candidatura di Silvia Lorenzino, da parte del Partito democratico. Una mossa che ha fatto storcere il naso al gruppo: “Con il Pd dovremmo vederci lunedì e spiegherò che Pinerolo ha bisogno di progetti non di casacche politiche. Noi non faremo i gregari, abbiamo un nostro progetto politico e vogliamo discutere in maniera paritaria di quello, con chi è disposto a farlo” mette dei paletti Restagno. “I problemi di Pinerolo non sono il candidato sindaco, ma infrastrutture come la banda larga e la fibra, la medicina territoriale, la tutela dell’ambiente, il lavoro e la creazione di un’area industriale di territorio, per elencarne solo alcuni – conclude Restagno –. Per questo motivo parleremo con tutti e tireremo le nostre conclusioni, non sulla base di schieramenti, ma di contenuti e progetti. Negli ultimi 15 anni Pinerolo ha avuto due sindaci impallinati dallo stesso partito (Covato e Buttiero, esponenti del Pd, ndr) e nell’ultimo quinquennio una Giunta condizionata da un solo movimento. Oggi tutto questo non si può più accettare”.

Marco Bertello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium