/ Cronaca

Cronaca | 14 novembre 2022, 09:26

Bracconiere andava a caccia a Costagrande con arma clandestina

L’uomo, residente nel Pinerolese, aveva anche la licenza e il porto d’armi revocati

Il controllo di mercoledì 9

Il controllo di mercoledì 9

Stava andando a caccia nei boschi di Costagrande, malgrado avesse la licenza e il porto d’armi revocati. Ma non solo, in auto aveva un tubo-fucile di fattura artigianale, in grado di sparare cartucce di calibro 12. Un’arma clandestina che non è sfuggita al controllo di una pattuglia della Lac di Pinerolo. L’uomo, residente nel Pinerolese, la sera del 9 novembre, era abbigliato da cacciatore e aveva parcheggiato l’auto al limitare della zona boscata.

Gli agenti della vigilanza venatoria l’hanno notato e hanno scovato l’arma tra i sedili, malgrado somigliasse a un bastone da passeggio, con tanto di finta impugnatura. Perciò hanno richiesto l’intervento dei carabinieri, che hanno perquisito la macchina e trovato una quarantina di cartucce di vario calibro. L’uomo è quindi stato deferito all’Autorità giudiziaria.

Dopo la recente pronuncia del Consiglio di Stato, successiva a questo episodio, non è più possibile cacciare in quella zona della collina, perché è tornata temporaneamente in vigore l’ordinanza del sindaco che lo vieta.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium