/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 17 gennaio 2021, 11:00

Domenico Andreis ci racconta la sua professione: quella del broker assicurativo

Siamo felici di incontrare Domenico Andreis fondatore e CEO della Saluzzo Broker Srl nella sua nuova sede di Saluzzo appena inaugurata. Si percepisce l’energia di chi, nonostante il momento a dir poco complesso, creda nel presente ed ancor di più nel futuro della sua professione

Domenico Andreis ci racconta la sua professione: quella del broker assicurativo

Chi é Domenico Andreis oltre al CEO fondatore della Saluzzo Broker?

Sono un professionista che ama il proprio lavoro; vado al lavoro con il sorriso tutti i giorni perché mi diverto e mi appassiona. Vengo spesso definito stakanovista ma esagerano. Amo far festa, adoro le cene con gli amici, il buon bere ed il buon cibo.

Con l’età ho affinato questa passione con gli amici che, come me, amano lo sport; sci e tavole imbandite in compagnia sono il mio modo ideale di fare sport e festa nel tempo libero.

Gioco a tennis ma in verità sono un ex di quasi tutti gli sport, calcio in primis. Amo nuotare in mare e mi piace anche giocare a golf ma, al momento, non ho sufficiente tempo da dedicare al green.

Quando voglio rilassarmi guardo un bel film, sono un cinefilo convinto; amo leggere thriller e noir sono i miei preferiti.

Sono sposato e padre di due ragazzi. Mia moglie Carla è consulente finanziario presso la struttura private banker di un noto Istituto Bancario ed è anche la mia solida spalla.

I miei figli Sebastiano, 23 anni e Alessandro, 19 sono studenti universitari e grandi sportivi; Seba con risultati agonistici importanti a livello nazionale ed internazionale (medaglia d’argento ai campionati Italiani di sci del 2015 ed ha rappresentato l’Italia alle Universiadi in Russia nel 2019 con ottimi risultati), Ale, anch’egli agonista, attualmente impegnato nel “Corso maestri di sci”. Entrambi studenti alla falcoltà di Economia con intenzione di seguire le orme del padre broker.

Come mai broker assicurativo? Ci racconti…

Sono un broker della prima ora fulminato sulla via di Damasco per quanto riguarda la professione quando, nel lontano 1986 sono entrato in contatto con un’importante società con sede a Torino e operante su tutto il territorio nazionale.

Quasi subito mi resi conto che quel tipo di professione(nuova perché regolamentata solo dal 1984) così diversa dall’assicuratore, seppur simile per certi versi, mi avrebbe dato la possibilità di crescere in un settore che altrimenti non mi avrebbe entusiasmato; insomma essere uno yes man di compagnia non era e non lo è tutt’oggi una mia aspirazione di contro, trattare un rischio su incarico del cliente, trasferirlo in base alle proprie competenze sul mercato assicurativo e con la mia indipendenza professionale questo si, mi appassiona molto. E così è stato.

Dopo anni di gavetta, formazione ed esperienze in diversi settori assicurativi fondo, nel 1994 la Saluzzo Broker Srl: quest’anno tagliamo il traguardo dei 26 anni di attività.

Devo dire, con un certo orgoglio che, quanto di buono è stato fatto in questi anni è frutto di ambizione, dedizione e duro lavoro. Non ho mai smesso di formarmi. Ho sempre creduto che in un “mare magnum” di offerte assicurative finalizzate solo alla vendita, avere accanto a se un broker assicurativo indipendente, sia una scelta alla quale nessun imprenditore o professionista possa sottrarsi. Ancora oggi ancora troppi si definiscono broker assicurativi ma in realtà esercitano il plurimandato.

Ci spiega la differenza?

Essere agenti plurimandatari non è come essere broker assicurativi: sono due professioni simili ma molto diverse e cerco di spiegare il perché.

L’agente mono o plurimandatario rappresenta la Compagnia che gli conferisce il mandato di agenzia e non rappresenterà mai il cliente mentre il broker, con l’incarico di brokeraggio conferitogli dal cliente, lo rappresenta e cioè il broker agisce in nome del cliente stesso ed esclusivamente nel suo interesse soddisfacendo le sue esigenze condivise dopo un’attenta analisi del rischio.

 

 

La Saluzzo Broker si é recentemente trasferita in uno stabile innovativo, capace di abbracciare il futuro dell’intermediazione, ce ne potrebbe parlare?

Siamo al punto di svolta: nel 2020, al netto di quanto accaduto in questo strano anno, forse l’acquisto di una nuova sede si poteva rimandare. Se mi fossi fatto intimorire dal ragionamento logico oggi non avrei la nuova Sede di Saluzzo Broker. Sono un positivo, lo sono sempre stato per natura, e negli anni mi sono reso conto che se volevo continuare ad essere interessante per i miei clienti e per i giovani imprenditori dovevo modificare il mio modo di rivolgermi alle imprese, ai giovani imprenditori ed ai nuovi professionisti.

La nuova frontiera del brokeraggio assicurativo è legata al mondo digitale, all’accesso alle informazioni veloci e precise, alle risposte altrettanto veloci e precise, ai nuovi rischi legati alla tecnologia, ai fattori climatici ai rischi salute, ecc ma, sicuramente non è ancora arrivato il momento in cui la macchina tecnologica sostituirà il professionista.

Cosa intende?

Mi spiego meglio. In certi settori ci sarà sempre più commistione di ruoli. Tutti vendono assicurazioni: le poste, le banche.

Il cosiddetto mondo retail dove prodotti predefiniti, predigeriti, pre-scontati vengono venduti e propinati a clienti poco alfabetizzati (nel senso di cultura assicurativa): ecco a noi tutto questo non piace e crediamo che nella nuova sede di Saluzzo Broker si possa creare un “porto tecnologico” del brokeraggio assicurativo dove analisi dei rischi, gestione degli stessi e brokeraggio delle assicurazioni non siano solo semplici parole ma diventino contratti a tutela della attività e dei rischi dei nostri clienti a tutto tondo!

Quali sono le caratteristiche che vi differenziano dai vostri competitor?

Semplice, noi siamo un broker assolutamente indipendente che ascolta il proprio cliente e che conosce il tessuto sociale ed economico delle piazze in cui opera (Saluzzo, Cuneo ed il Piemonte tutto) e vogliamo, con massima trasparenza, etica e professionalità, pensare sempre agli interessi della nostra clientela – sono loro che ci danno mandato e sono coloro che dobbiamo tutelare – al di là delle marginalità generate dai contratti medesimi. Questo atteggiamento ci ha sempre ripagati in quanto abbiamo clienti affezionati che seguiamo da oltre un ventennio.

Una delle problematiche maggiori che incontrano i broker delle vostre dimensioni é l’organizzazione dei processi e flussi: voi cosa state facendo?

Cerchiamo di affidarci a consulenti di fama nazionale, con grande esperienza che, ogni giorno, ci trasmettono quel know how necessario per migliorarci e per rendere sempre più la struttura agile e capace di abbracciare il cambiamento anche se non deve venire mai meno quello spirito artigianale e professionale che ci contraddistingue. Abbiamo altresì inserito nella nostra struttura figure importanti quali il nuovo responsabile commerciale che vanta esperienza pluriennale in aziende di livello nazionale ed un giovane informatico particolarmente capace ed intraprendente: un mix professionale e generazionale che ci porterà lontano.

 

 

 

 

Informazione pubblicitaria

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium