/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 16 giugno 2020, 10:36

Cancellata la monoclasse alla primaria di Angrogna: «Una scelta inconcepibile»

Le proteste di genitori e Comuni per una decisione che complica l’attività didattica nella scuola di montagna

Cancellata la monoclasse alla primaria di Angrogna: «Una scelta inconcepibile»

L’ufficio scolastico regionale ha cancellato la monoclasse di Angrogna. Una decisione che ha fatto sollevare i genitori e il Comune e rischia di creare non pochi problemi all’Istituto comprensivo Rodari di Torre Pellice, cui la piccola scuola di montagna fa capo.

La notizia del taglio è arrivata il 9 giugno all’Istituto comprensivo, quando sono stati comunicati gli organici di diritto per il prossimo anno scolastico, ed è stata riferita al Consiglio d’Istituto il giorno seguente.

L’eliminazione della monoclasse comporta anche la perdita di due docenti. Ma sono i numeri a non tornare per i genitori e il Comune.

L’anno scorso alla primaria di Angrogna c’erano due pluriclassi da 12 bambini (prima e seconda) e da 14 (quarta e quinta), più la monoclasse da 9 (terza). In totale 35 alunni contro i 36 di quest’anno, perché 34 sono già iscritti e 2 si iscriveranno.

«Praticamente abbiamo un bambino in meno di quando ci avevano concesso la monoclasse, allora infatti erano 37 – lamenta il sindaco Mario Malan –. È una scelta inconcepibile, fatta senza spiegazioni e in un momento delicato». Il Comune stava ragionando su come dividere i ragazzi in base alle nuove norme di distanziamento sociale e un ulteriore accorpamento, con un taglio di docenti, rischia di complicare molto la situazione: «L’Istituto comprensivo ci ha già detto che avrà difficoltà a garantire le ore di lezione con l’organico a disposizione».

Il sindaco si è quindi mosso, scrivendo all’Ufficio scolastico regionale e ha contattato anche la Regione - «anche se non è una materia di sua competenza, speriamo possa darci una mano a risolvere il problema». Parallelamente anche i genitori, che compongono il Consiglio d’Istituto, si sono mossi con una lettera, chiedendo di rivedere questa decisione: «Siamo sconcertati e indignati per la scelta operata dall’Usr, ancor più viste le problematiche causate dall’emergenza sanitaria creata dal covid-19 che imporrebbe di diminuire il numero di bambini/e per classe e/o di individuare locali più grandi per garantire il distanziamento fisico. L’Usr non ha sicuramente tenuto conto del contesto architettonico di questa scuola di montagna e, inoltre, la decisione presa è assolutamente in antitesi con la riorganizzazione che Istituti scolastici e Amministrazioni comunali dovranno affrontare per garantire le attività didattiche in presenza per il prossimo anno scolastico».  

Marco Bertello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium