/ Volley

Volley | 27 marzo 2024, 21:18

Volley A1/F: Una Wash4green Pinerolo da favola fa tremare Milano

Le ‘pinelle’ giocano una partita strepitosa, arrendendosi solo al tie-break di fronte a Egonu e compagne

Le 'pinelle' in festa dopo un punto di una partita incredibile (foto Lega Volley Femminile)

Le 'pinelle' in festa dopo un punto di una partita incredibile (foto Lega Volley Femminile)

Una Wash4green Pinerolo da favola fa tremare l’Allianz Vero Volley Milano di Paola Egonu, con una partita magistrale. Le ‘pinelle’ si arrendono solo al quinto set, dopo essere andate avanti 2-1 e domenica potranno prendersi i meritati applausi al Pala Bus Company di Villafranca Piemonte per la gara di ritorno dei quarti di finale dei play-off scudetto. A incidere sul risultato è stata anche l’assenza nelle fila lombarde di Orro, la palleggiatrice della nazionale italiana, sostituita dalla ex Prandi.

Primo set

Polder mette a terra il primo punto nella storia di Pinerolo, nei play-off, con una fast sul primo pallone toccato. Milano strappa sul servizio di Cazaute (9-5) e sale a +6 con un mani fuori di Egonu (13-7). Le ‘pinelle’ lottano, ma le padrone di casa chiudono 25-20, con un colpo fortunato di Cazaute, su cui non funziona la copertura del muro della Wash4green.

Secondo set

L’inizio è equilibrato. Milano tenta l’allungo sul 12-10. Le ‘pinelle’ reagiscono e mettono la freccia grazie a un tocco di seconda di Cambi e un errore di Cazaute (13-15). Con il turno in battuta della palleggiatrice, la Wash4green raddoppia il vantaggio (15-19). Le padrone di casa non mollano e si riportano in parità 23-23. Due errori di Folie (in battuta) e di Egonu in attacco regalano uno storico 23-25.

Terzo set

Milano è nervosa e Pinerolo non abbassa la concentrazione. Dopo qualche strappo di due punti, arriva il 10-14 con un pasticcio nel campo delle padrone di casa e una palla sparata fuori da Egonu. Le lombarde lottano, ma i nervi nel campo della Wash4green sono di acciaio e, con una incredibile Storck, arrivano 4 set point (20-24). L’opposto di Milano rimette le sue in carreggiata con due ace, ma poi tira fuori il servizio, che vale un secondo 23-25.

Quarto set

Le padrone di casa partono con il coltello tra i denti, volando sul 7-2 con un errore di Mason. Marchiaro si gioca anche la carta del doppio opposto sostituendo proprio Mason in affanno, con Németh. Milano però non cala e chiude 25-21. Il set, però, passerà alla storia, perché dopo l’esordio con ace all’andata di Di Mario, stavolta tocca a Bernasconi, classe 2006.

Quinto set

Le ‘pinelle’ vanno avanti 1-4. Un punto frutto di un videocheck contestato porta Milano a -1 (5-6) e di qui in là il vento cambia, con le padrone di casa che si spingono sull’8-6. Un pallonetto magistrale di Sorokaite riporta la parità (11-11). La stessa schiacciatrice, però, riceve male, facendo un assist a Egonu per il 13-11. Le lombarde ringraziano e portano a casa un sofferto match con l’opposto della nazionale che sigla il 15-13.

Marco Bertello

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium