ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 24 maggio 2023, 09:01

Da oggi a Torre Pellice i libri hanno una nuova ‘casetta’

Verrà inaugurato il punto per il bookcrossing davanti alla Scuola Mauriziana. È dedicato ai testi per l’infanzia

La nuova casetta del bookcrossing

La nuova casetta del bookcrossing

I genitori hanno cominciato ad usarla senza nemmeno aspettare l’inaugurazione: nella nuova casetta per il bookcrossing dedicata all’infanzia a Torre Pellice entrano ed escono già volumi. “È stata costruita dal nonno di una bambina che frequenta la Scuola Mauriziana e l’abbiamo posizionata proprio qui davanti circa una quindicina di giorni fa” spiega l’insegnante Alessandro Maccario. Il nuovo punto per il libero scambio, in via al Forte, verrà inaugurato oggi, mercoledì 24 maggio alle 16,15. “Proprio in occasione dell’inaugurazione, e con la collaborazione con l’associazione Il Riuso, riforniremo di nuovi volumi la casetta ma intanto le famiglie hanno già lasciato alcuni libri. Questo dimostra l’utilità del servizio – commenta Maccario –: quando i bambini crescono spesso le famiglie non trovano più spazio per i libri che i figli non guardano più e si mettono alla ricerca di testi più adatti all’età”.

Salgono così a otto i punti per il bookcrossing in paese, a cui si aggiunge quello di volumi in francese all’ufficio turistico (via Repubblica 3). Vengono riforniti dai cittadini ma anche dalla biblioteca Carlo Levi e da Il Riuso.

La creazione della maggior parte di queste casette ha coinvolto i cittadini torresi. La prima ad essere costruita da un lettore della biblioteca è quella di piazza Muston. Quella nella piazza di Borgo Santa Margherita, invece, è stata costruita da Il Riuso, mentre della casetta del Parco di Sanciò si è occupato il centro diurno Ciao. Alla fermata del bus di viale Gilly la casetta è stata ricostruita da Raffaello, un utente della biblioteca, dopo che i vandali l’avevano presa di mira. Il punto dedicato al bookcrossing di via Arnaud – all’ex Caserma Ribet è stato realizzato dalle donne che frequentavano il laboratorio di falegnameria, organizzato dal progetto ‘Sentieri di futuro’ in collaborazione con Il Riuso. Infine, della casetta della stazione ferroviaria si è occupato Davide Picciau, lettore della biblioteca e attivo ne Il Riuso. Intanto, anche gli abitanti di frazione Chabriols si stanno organizzando per realizzare il loro punto dedicato al bookcrossing.

Elisa Rollino

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium