/ Attualità

Attualità | 15 settembre 2021, 17:56

Villar Perosa ha la sua panchina gigante, ma la vista la deciderà la Soprintendenza

Il Comune si è rivolta a lei per l’abbattimento di alberi senza permessi

La zona di borgata Miandassa in cui sono state tagliate le piante

La zona in cui sono state tagliate le piante

La panchina gigante è stata posata in questi giorni, ma Villar Perosa non può ancora inaugurarla. Da un lato deve perfezionare la pratica per l’affiliazione al circuito Big Bench Community Project, che raggruppa le panchine giganti. Dall’altro deve capire quale sarà la visuale di chi ci salirà sopra. In estate, infatti, per liberare la visuale, erano state tagliate delle piante. A denunciare l’accaduto è stata Mirella Dalia, che ha una seconda casa proprio in borgata Miandassa. Il sindaco Marco Ventre aveva riconosciuto che l’abbattimento non era autorizzato, e aveva ammesso che non sapeva chi fosse l’autore. Nell’ultimo Consiglio comunale, prima della pausa estiva, su domanda del consigliere di minoranza Massimo Raviola, Ventre ha spiegato che il taglio è stata opera di volontari e ha detto che il Comune avrebbe incaricato un professionista per seguire l’iter indicato dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, per regolarizzare la situazione: sarà lei a dover decidere se le piante vadano sostituite o meno, determinando così la visuale che si avrà dalla panchina.

Marco Bertello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium