/ Cronaca

Cronaca | 24 maggio 2021, 11:00

Tragedia della funivia del Mottarone: restano gravi le condizioni del bimbo unico sopravvissuto

Il piccolo, 5 anni, è ricoverato al Regina Margherita in prognosi riservata. Ha perso il fratellino, la mamma e il papà. Al suo fianco c'è la zia: "Ho cominciato a ricevere messaggi di condoglianze via WhatsApp, mio fratello non mi rispondeva, poi ci hanno chiamato i carabinieri"

La cabina precipitata al Mottarone

Rimangono gravi le condizioni del piccolo di 5 anni, unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone

Il racconto è straziante, le emozioni tolgono il fiato, il racconto frammentario come può esserlo la ricerca di un appiglio. Restano gravi le condizioni del bambino di 5 anni, unico sopravvissuto alla tragedia che si è verificata ieri alla funivia Stresa-Mottarone e che è costata la vita a 14 persone.

Il piccolo lotta al Regina Margherita di Torino e ieri è stato operato, ma la prognosi rimane riservata. Il bimbo resta intubato e sedato. I medici però non disperano: "Ha passato una notte tranquilla. Monitoriamo la situazione minuto per minuto sapendo di aver messo in campo tutte le nostre forze migliori. Attendiamo le prossime 48 ore: è in una situazione critica, ma fa ben sperare".

Dalla tarda serata di ieri - al suo fianco - è arrivata la zia, sorella del padre che ha perso la vita nel terribile incidente insieme alla moglie e l'altro figlio, di due anni.

Origini israeliane, per la famiglia che viveva in provincia di Pavia. E la zia, Aya Biran, cerca di raccontare un dolore che non può essere tradotto in parole. "Sono stati i messaggi ricevuti via WhatsApp a farmi capire cosa era successo. Il cordoglio, i 'mi spiace'. Adesso vediamo come evolverà la situazione: il trauma subito include un trauma cranico". "Ho chiamato mio fratello che non mi ha risposto - racconta ancora - poi ci hanno chiamato i carabinieri, ma abbiamo capito che mio nipote era ancora vivo perché non compariva nell'elenco delle persone che erano rimaste vittime della tragedia".

E al dolore si aggiunge il senso di beffa del destino: "Insieme a mio fratello, l'altro mio nipotino e mia cognata sono morti anche i nonni di mia cognata: avevano fatto il vaccino in Israele e poi erano venuti in Italia per stare un po' con la famiglia dicendo "Tanto, in Italia, cosa potrà mai succedere?".

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium