/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 26 giugno 2020, 15:52

Le donazioni alla Croce verde di Perosa Argentina superano l’emergenza e guardano al futuro

Sono stati raccolti oltre 50mila euro, di cui una parte serviranno per acquistare un Fiat Doblò per il trasporto di persone che devono fare chemioterapia o dialisi

La Panda giunta dal Cai durante questo periodo di emergenza sanitaria

La Panda giunta dal Cai durante questo periodo di emergenza sanitaria

La solidarietà in Val Chisone vale 52.067,77 euro: a tanto ammontano le donazioni per l’emergenza Covid fatte alla Croce verde di Perosa Argentina da cittadini, aziende, comuni e associazioni. «La cifra ha superato le nostre attese ed è frutto di erogazioni giunte dall’intera valle e anche da Pinerolo. Sul nostro sito: www.croceverdeperosa.it abbiamo pubblicato tutti i nomi dei benefattori» commenta Piero Tron, presidente della sezione. Alle donazioni in denaro si sono aggiunti i contributi in dispositivi di sicurezza regalati da cittadini e aziende e la Fiat panda per le consegne a domicilio giunta dal Cai (Club alpino italiano) e che sarà destinata ai trasporti ordinari di persone che non necessitano di spazio per la sedia a rotelle. «Sono state 280 le consegne a domicilio fatte in questi mesi grazie anche a nuovi volontari che si sono offerti per assistere alle fasce di popolazione più debole e auspichiamo restino con noi anche dopo l’emergenza Covid» aggiunge Tron.

«Nella disgrazia le persone hanno risposto in modo inaspettato – riflette –. Da questa emergenza abbiamo imparato qualcosa». Con la Protezione civile di valle, la Croce verde sta lavorando infatti al progetto di un nucleo operativo per assistere la popolazione e non trovarsi impreparati davanti ad emergenze sanitarie: «Si tratta di mettere a punto un sistema che garantisca la distribuzione immediata di generi alimentari e farmaci a domicilio». Intanto parte della cifra donata è stata utilizzata per dotare il personale di dispositivi di protezione individuale e per adeguare gli spazi della sede in modo da ospitare in sicurezza gli operatori. «Con il resto acquisteremo un Fiat Doblò per il trasporto di persone che necessitano di terapie chemioterapiche o di dialisi» spiega Tron.

Elisa Rollino

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium