/ Eventi

Eventi | 06 maggio 2022, 10:38

Sabato a Pinerolo un assaggio di ‘TraMe’, il nuovo festival sulla traduzione e mediazione

Dalle 15 si alterneranno gli interventi di studiosi e traduttori al Circolo sociale di Pinerolo per l’incontro organizzato dall’associazione Pensieri in Piazza con Liceo Porporato e la Scuola superiore per mediatori linguistici

Sabato a Pinerolo un assaggio di ‘TraMe’, il nuovo festival sulla traduzione e mediazione

Traduttori e ricercatori si danno appuntamento a Pinerolo, domani, sabato 7 maggio, per un assaggio di ‘TraME: Incontri sulla Traduzione e Mediazione linguistico-culturale’. Al Circolo sociale di Pinerolo (via Duomo 1), a partire dalle 15, si susseguiranno una serie di interventi di esperti per l’anteprima del festival sulla traduzione che si svolgerà invece a settembre, toccando diversi luoghi tra cui il Castello di Miradolo, la Sala ‘Italo Tajo’ di Pinerolo, il ‘Polo del Novecento’ di Torino, i licei pinerolesi Porporato e Buniva.

La manifestazione, organizzata in collaborazione con il Liceo Porporato di Pinerolo e la Scuola superiore per mediatori linguistici di Cuneo, nasce da una riflessione dell’associazione pinerolese Pensieri in Piazza, sul ruolo dell’intellettuale: “Il festival è un modo per confrontarci con il nuovo ruolo che può avere l’intellettuale nelle nostre società caratterizzate dell’uso delle tecnologie: non più il detentore del sapere, dunque, quanto piuttosto colui che ‘traduce’ mettendo in contatto mondi diversi” osserva Emilio Gardiol, presidente dell’associazione.

Sabato, alle 15, partirà Farzan Ehsanullah, traduttore afghano-persiano, specializzato in editoria per l’infanzia, seguirà Cristina Bosco, ricercatrice presso il Dipartimento di informatica dell’Università di Torino, con un intervento sulla ‘Traduzione automatica e risorse linguistiche’. Sarà poi la volta di Marie Moïse e Silvia Nugara, che interverranno sul tema: ‘Questa storia che ci ossessiona. Tradurre memorie, interrompere il linguaggio della piantagione’. Italo-haitiana, Moïse è dottoranda in filosofia politica, ricercatrice e traduttrice, mentre Nugara è laureata in Scienze internazionali e diplomatiche all’Università di Torino. Toccherà a Chiara Bruno, studiosa in lingue e letterature moderne, chiudere il pomeriggio con l’intervento dal titolo ‘Comprendere per tradurre, tradurre per comprendere. Proposta di ritraduzione di Black like me di J. H. Griffin’.

Elisa Rollino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium