/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 17 marzo 2022, 15:20

Tav, visita al cantiere di Chiomonte: ecco come avanzano i lavori della Torino-Lione [FOTO e VIDEO]

Procede la terza fase di ampliamento dell'area di lavoro, ma continuano anche le operazioni a San Didero e Salbeltrand. Ma pesa l'incognita rincari delle materie prime

Tav, visita al cantiere di Chiomonte: ecco come avanzano i lavori della Torino-Lione [FOTO e VIDEO]

Due tubi di 57 chilometri e mezzo ciascuno, in senso opposto l'uno all'altro, che permettono ai treni merci e passeggeri di attraversare le Alpi alla quota di pianura. Questo, in parole semplici, è il senso dell'opera che da decenni viene sintetizzata nella sigla Tav

Attualmente, i cantieri attivi sono dieci, tra Italia e Francia. Sono già stati scavati 30 chilometri dei 162 previsti complessivamente (discenderie e by pass di sicurezza compresi), mentre sono 113 i chilometri di sondaggi geognostici e carotaggi effettuati su entrambi i versanti.

"Essere qui e sentire che finalmente si tocca con mano i passi avanti non può che farci piacere e farci vedere che è il futuro di crescita, anche industriale del territorio, è realtà", dice Marco Gay, presidente di Confindustria Torino.

"La Tav - aggiunge - rappresenta un pezzo di un corridoio europeo e di una visione di Europa che deve continuare a esistere, anche se le persone della mia generazione non avrebbe mai pensato di sentir parlare di guerra a poche migliaia di chilometri da casa".


Il timore dei rincari pesa anche in val di Susa

Ma anche sulla realizzazione del Tav pesa l'incognita dei rincari: le materie prime, schizzate ormai verso l'alto, potrebbero incidere con una maggiorazione dei costi fino al 20%. Telt sta monitorando la situazione, anche se le imprese coinvolte - così come tutte le "colleghe" impegnate in altri cantieri edili - dovranno rifare continuamente i conti e valutare l'evoluzione dell'andamento.

I numeri della Torino-Lione

In Italia, in particolare, è stata completata la galleria geognostica di Chiomonte, di 7020 metri, mentre in parallelo sono in corso di realizzazione alcune opere all'aperto e prossimamente per l'avanzamento della tratta transfrontaliera i nuovi lavori per il tunnel di base partiranno dai punti di accesso già realizzati.  

A pieno regime, tra le quattro discenderie, si conteranno 15 fronti di scavo e 7 frese che avanzeranno in contemporanea per completare i tunnel dove passeranno i treni. 

Al momento sono quasi mille le persone coinvolte nelle lavorazioni, con un picco stimato a 4000 lavoratori diretti e altrettanti nell'indotto.

Il 2022, su fronte italiano, si procederà all'affidamento del Lotto italiano tra Bussoleno/Susa e il confine francese. Già a luglio 2021, sul lato transalpino, erano stati appaltati il 100% dei lavori del tunnel di base in Francia (3 lotti, per 45 chilometri, tra Saint Jean de Maurienne e il confine Italiano).

Le tre zone di lavoro in Valsusa

Ma intanto procedono i lavori in tre località in particolare. Chiomonte, su tutti: il "cantiere Tav" per eccellenza, dove a febbraio 2021 è iniziata la terza fase di allargamento del cantiere, anche per quanto riguarda il collegamento con l'autostrada Torino-Bardonecchia. Già a dicembre 2020 si era partiti con la realizzazione delle nicchie di interscambio nella galleria della Maddalena: un contratto dal valore di 40 milioni prevede la realizzazione di 23 nocche (profonde tre metri e lunghe da 30 a 40 metri) per facilitare il transito dei mezzi da cantiere.

Il cunicolo della Maddalena, nato con finalità geognostiche, diventerà passaggio di servizio e ventilazione del tunnel di base. Attualmente sono 50 le persone che lavorano a Chiomonte, ma diventeranno 400 al picco.

A San Didero, invece, sono 70 le persone che stanno lavorando alla rilocalizzazione dell'autoporto di Susa. Sorgerà su un'area di 68mila metri quadrati tra l'autostrada e la statale del Moncenisio. 

A Salbeltrand, infine, si procede alla rimozione di rifiuti per rendere l'area disponibile per l'insediamento del sito di smistamento e valorizzazione dei materiali di scavo proveniente dal tunnel di base. Lì sorgerà anche la fabbrica dei conci per il rivestimento della galleria.

A gennaio 2022 è terminata la prima fase di rimozione dei cumuli di materiali abbandonati negli anni da vari soggetti.

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium