/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 13 aprile 2021, 11:45

Torino-Pinerolo: botta e risposta in Regione sui passaggi a livello da chiudere

La consigliera Pd Canalis incalza: “L’assessore si disinteressa delle linee ferroviarie minori”. Gabusi replica: “Abbiamo dato il via ai primi tre progetti”

Il passaggio a livello sulla Sp 139 ad Airasca

Il passaggio a livello sulla Sp 139 ad Airasca

La consigliera Pd Monica Canalis ha proposto di rimpinguare i fondi per la chiusura dei passaggi a livello sulla Torino-Pinerolo. L’emendamento al bilancio regionale, annunciato tempo fa, non è passato e si è riaccesa la polemica.

Canalis ha proposto di mettere oltre 3 milioni e 300 mila euro in più, ma la maggioranza si è mostrata contraria: “L’assessore Gabusi conferma il suo disinteresse per le linee ferroviarie minori e rifiuta di ripristinare la spesa storica sulla soppressione dei passaggi a livello, decurtandola da 10 a 6,5 milioni di euro. Ecco perché nel 2021 si progetterà solo la soppressione del passaggio a livello di Vinovo, rinviando a data da destinarsi quelli di Airasca, Piscina e così via...” tuona la consigliera, assieme al candidato sindaco di Pinerolo, Silvia Lorenzino. Ma la replica non si fa attendere: “I finanziamenti per la soppressione dei passaggi a livello non sono stati toccati né è mutata la volontà di questa Amministrazione di intervenire in materia – ribatte Marco Gabusi –. A differenza dell’Amministrazione precedente, che non ha portato avanti nemmeno un intervento, noi abbiamo dato il via ai primi tre e prevediamo di procedere speditamente con gli altri man mano che si sbloccheranno le risorse, in condivisione con il territorio e per la sicurezza di tutti. La Giunta precedente non aveva deciso nulla per la paura di decidere; noi abbiamo deciso di andare avanti anche in assenza di un protocollo territoriale che purtroppo fatica a essere chiuso”.

E sulla questione dei conti precisa: “La Delibera Cipe 54/2016 ha individuato 5 milioni di euro per la soppressione dei passaggi a livello sulla linea Sfm2 Torino-Pinerolo, trasferendo i fondi nel Contratto di programma di Rfi, che quindi non transitano su bilancio regionale. A questi si aggiungono 5 milioni stanziati dalla Regione e il cofinanziamento di Rfi di 670 mila euro per ogni passaggio a livello soppresso. Con queste somme iniziamo perciò a lavorare sulla soppressione delle strutture più critiche per poi proseguire con le altre man mano che reperiremo le risorse”.

Marco Bertello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium