/ Attualità

Attualità | 21 dicembre 2020, 11:43

Anima entusiasta delle associazioni, la Val Pellice perde Tiziana Biolato

Scomparsa a poche settimane da un altro ‘Tremolino’, Guido Genre, Sën Gian dedicherà le iniziative del 2021 ai due e al loro ‘spirito di rinascita dopo la malattia’

Tiziana Biolato a destra

La ricordano come un donna che non si tirava indietro, sempre disponibile a mettersi in gioco come dovere etico e morale. Tiziana Biolato, una delle fondatrici dell’associazione culturale Sën Gian, e attiva tra ‘iTremolini’, gruppo impegnato nella sensibilizzazione sul tema del Parkinson, si è spenta nella notte tra sabato 19 e domenica 20 dicembre, a pochi giorni dalla morte di un suo compagno d’impegno sociale, Guido Genre.

“Il 27 dicembre Tiziana avrebbe compiuto 65 anni e il lutto che oggi ci colpisce tutti, ci impone anche il dovere di dedicare le attività del prossimo anno a lei e a Guido – annuncia Tullio Parise, presidente di Sën Gian –. Al loro grande spirito di rinascita dopo la malattia, dedicheremo infatti un’altra rinascita: quella sociale e culturale che ci aspetta per il 2021”.

Biolato, lusernese, conviveva da tempo con il Parkinson ed è scomparsa dopo mesi di sofferenza e di terapie per il dolore che l’avevano progressivamente spenta: “Noi tutti però la ricordiamo come un’anima entusiasta che con grande gioia, volontà e coraggio faceva sue le iniziative nate nell’associazione” aggiunge Parise.

Amante delle letteratura, era stata proprio lei a ideare l’iniziativa ‘Vetrina degli autori nascosti’ diventata, poi, ‘Mangiar Parlando’, eventi entrambi finalizzati a dar voce a chi ama scrivere. Biolato era infermiera professionale: “Lavorava in un settore molto impegnativo: quello del disagio psichico – spiega Parise – ma anche qui la sua attività era guidata dall’amore e dal senso di solidarietà”.

Residente a Luserna San Giovanni da diversi anni, chi la frequentava racconta come sapesse includere le diverse anime del paese, da quella più popolare a quella più acculturata, come testimonia Parise: “Sapeva attraversarle tutte senza fermarsi. Tiziana non aveva confini”.

Il funerale si svolgerà domani, martedì 22, alle 9,30 nel tempio valdese di San Giovanni ed amici e colleghi hanno iniziato a raccogliere i fondi per una donazione, in sua memoria, all’Associazione Italiana Parkinson: “Era uno dei desideri di Tiziana” rivela Parise. Il punto di raccolta individuato dall’associazione Sën Gian è la ferramenta di Michele Malan in via Primo Maggio a Luserna San Giovanni.

Elisa Rollino

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium