/ Politica

Politica | 25 novembre 2022, 17:12

Pinerolo deve fare i conti con l’incognita Omega 2000

Un ricorso al Consiglio di Stato potrebbe bloccare 800 mila euro a bilancio. Il Comune tratta con i privati per trovare una soluzione, mentre il sindaco polemizza

La Commissione Bilancio di ieri

La Commissione Bilancio di ieri

La vicenda risale al 2008, ma potrebbe immobilizzare 800 mila euro del bilancio comunale, in attesa della pronuncia del Consiglio di Stato. Ieri sera in Commissione a Pinerolo si è parlato della vicenda Omega 2000. Una società proprietaria di 13.000 metri quadri di terra, dietro la sede Asl di via Poirino 9, che aveva chiesto al Comune di poter fare un intervento commerciale. Palazzo civico, però, per consentirlo, avrebbe dovuto espropriare l’area di un altro privato e ha deciso di non farlo. Da lì è nata una battaglia giudiziaria tra Tar e Consiglio di Stato, con una richiesta di danni che oggi è di 8 milioni di euro.

La Corte dei Conti ha chiesto al Comune di valutare il rischio (remoto, possibile o probabile) di perdere la causa e accantonare una cifra a bilancio in relazione a questo rischio.

Il sindaco Luca Salvai si è mostrato sicuro: “Il Comune ha 3 sentenze e mezzo a suo favore”. Ma il capogruppo del Pd Luca Barbero ha sottolineato come “difficilmente un avvocato dirà che non ci sono possibilità di perdere la causa”. Se questa possibilità verrà messa nero su bianco, Pinerolo dovrà accantonare almeno il 10% della cifra richiesta, sottraendo una somma di 800 mila euro all’Avanzo di Amministrazione che può essere usato per investimenti.

Il Comune ha anche aperto una trattativa con i privati, “perché l’aspetto urbanistico di quell’area lì va definito” ha precisato Salvai, che però ha polemizzato, facendo nomi e cognomi: “Dietro Omega 2000 ci sono Ezio Bigotti, Flavio Riva e Daniela Damiano. Bigotti fino all’anno scorso era ai domiciliari. Sono amareggiato che la Corte dei Conti, non entrando nel merito della vicenda, dia un’arma a questi signori nei confronti del Comune”.

Parole dure stigmatizzate da esponenti dell’opposizione come Dario Mongiello (Pinerolo Trasparente), Giuseppino Berti (Berti Sindaco) e Luca Barbero (Pd). Mentre Tiziana Alchera (Pinerolo a Sinistra), presidente del Consiglio comunale, ha sollevato la criticità di un precedente simile: “C’è il rischio che altri facciano delle cause, che sommate l’una all’altra bloccano il bilancio del Comune, in attesa della pronuncia di un giudice”.

Marco Bertello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium