Scuola e formazione - 10 settembre 2023, 07:23

Scuola, domani suona la campanella. Tutti in classe, ma a Torino sono spariti gli studenti: -5600 ragazzi (soprattutto asilo ed elementari)

I giorni di lezione saranno in totale 206 per chi frequenta da lunedì al sabato, 174 per chi si "ferma" il venerdì. Il prossimo "ponte" sarà all'Immacolata

ragazzi davanti a scuola

Domani mattina suona la campanella: i ragazzi tornano a scuola in tutto il Piemonte

Con la definizione del calendario scolastico da parte della Regione Piemonte, può finalmente partire il conto alla rovescia per l'inizio delle lezioni: tutti gli studenti torneranno sui banchi da lunedì 11 settembre. Ma sarenno sempre meno: almeno 5600, secondo l'ultima rilevazione di Cisl Torino e Canavese, soprattutto asilo ed elementari.

Sempre meno studenti

Come hanno spiegato i sindacati nel loro report, sono presenti sul territorio 260 autonomie scolastiche tra Istituti Comprensivi e Scuole superiori statali e oltre 200 istituti privati o paritari. I comprensivi sono scuole di prossimità e sono collocate su tutto il territorio provinciale con un numero di alunni che varia da 400 a 1500, a seconda delle zone del territorio. “Quest’anno – spiega la segretaria generale della Cisl Scuola Torino-Canavese, Simona Sacchero –la nostra provincia registra un calo severo di iscrizioni di alunni, complessivamente 5600 iscritti in meno rispetto allo scorso anno, in particolare nella scuola dell’infanzia e primaria, ma si registra anche una riduzione di presenze di alunni alla scuola secondaria di 1 grado e si intravedono  i primi segnali di riduzione anche negli istituti superiori”.

L’organico provinciale docenti conta circa 22.200 posti comuni con una media di circa 20 alunni per classe (ovviamente il dato si modifica notevolmente se facciamo riferimento a scuole della città piuttosto che di provincia) più 7360 posti di personale ATA (tutti i profili).

Altra criticità importante è la mobilità fuori provincia che ha visto quest’anno 459 insegnanti trasferirsi fuori dalla nostra città metropolitana verso altre province, 193 ATA e circa una decina di Dirigenti scolastici.

Tra i nuovi Dirigenti scolastici, figura fondamentale per la conduzione dell’istituzione scolastica, hanno scelto la titolarità nella nostra provincia 10 neo immessi in ruolo e, a conti fatti, ci troviamo quindi con 34 Istituti in reggenza ma ci sono anche 105 istituti scolastici senza DSGA (Direttore Servizi Generali Amministrativi).

Relativamente al personale docente sono circa 2160 i docenti neo immessi in ruolo (sia posto comune che sostegno) dalle varie graduatorie. In questi giorni sono in corso le nomine dei supplenti da graduatoria provinciale che andranno a coprire i posti disponibili.

Al 7 settembre 2023 risultano 8170 gli insegnanti nominati a tempo determinato e 1214 il personale Ata (Assistente tecnico amministrativo) di tutti i profili”

Il calendario: 206 i giorni di lezione

I giorni di lezione saranno in totale 206 per chi frequenta da lunedì al sabato, 174 per chi si "ferma" il venerdì con la variabile rappresentata dalle celebrazioni per il santo patrono, mentre le scuole dell'infanzia potranno scegliere di anticipare l'inizio delle lezioni. La grande novità, però, riguarda la "clausola di flessibilità", con la possibilità di iniziare prima in caso di chiusure previste per gli interventi di edilizia del Pnrr; la cosa, però, deve essere concordata con le istituzioni scolastiche.

Ponti e feste: tutte le date

Il primo ponte sarà quello del 9 dicembre, in occasione dell'Immacolata, mentre le vacanze di Natale dureranno dal 23 dicembre al 7 gennaio. Dal 10 al 13 febbraio spazio al Carnevale, seguito dalla Pasqua nel periodo che va dal 28 marzo al 2 aprile.

Gli ultimi stop intermedi saranno quelli compresi tra il 25 e il 27 aprile, in occasione della Festa della Liberazione, e del 1° maggio, mentre la Festa della Repubblica del 2 giugno sarà di domenica. La fine della scuola è invece fissata per l'8 giugno 2023: il calendario completo è disponibile al link sul sito della Regione.

Marco Berton e Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

SU