/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | 29 novembre 2019, 11:55

A Pinerolo gli studenti scioperano per il quarto strike globale di Fridays For Future: “Dobbiamo agire ora!” [FOTO]

Il corteo partito dal centro studi arriva sin davanti al Municipio. La manifestazione intende fare pressione in vista della prossima conferenza dell’Onu Cop25 a Madrid e protestare contro il Black Friday

A Pinerolo gli studenti scioperano per il quarto strike globale di Fridays For Future: “Dobbiamo agire ora!”  [FOTO]

“Siamo ancora una volta qui per farci ascoltare e per chiedere più attenzione sull’emergenza climatica!”. A parlare è Rebecca, 14 anni, una delle tante studentesse e studenti che oggi, venerdì 29 novembre, si è trovata davanti al centro studi per partecipare al quarto sciopero globale del clima dei Fridays For Future a Pinerolo.

“Ogni mattina entriamo a scuola, oggi no! - gridano gli studenti -. Oggi urliamo il nostro diritto ad avere un futuro. Perché i politici mettano la crisi climatica al primo posto nelle loro agende. Dobbiamo unirci per cercare la collaborazione di tutte le generazioni. Entro dieci anni raggiungeremo il limiti del carbonio emissibile prima del punto di non ritorno. Dobbiamo agire ora!”. 

Per la città di Pinerolo si tratta del secondo “strike”, in 500 avevano aderito al primo appuntamento del 15 marzo 2019. 

 

“Ci sono state altre manifestazioni più piccole in questi mesi - spiega Marta, una delle giovani organizzatrici dell’evento - questa è la seconda più importante a Pinerolo. Oggi siamo qui per due motivi in particolare: fare pressione sul prossimo summit dell’Onu ‘Cop25’ sul clima che si svolgerà a Madrid dal 2 al 13 dicembre, e per bloccare il consumismo del black friday”. 

 

Qui come a Torino, i ragazzi si sono organizzati per scioperare lungo il centro città. Sono giovani, giovanissimi, la media d’età è tra i 13 e i 18 anni. Dal punto di ritrovo davanti al Liceo Scientifico “Marie Curie”, dalle 9 del mattino a piedi hanno percorso corso Torino, lentamente per bloccare il traffico e invitare gli automobilisti a spegnere almeno per un attimo i motori. All’incrocio di via Piave, all’altezza dell’Ovs, hanno chiesto di osservare un minuto di silenzio per tutte le vittime del cambiamento climatico. Da qui hanno poi proseguito su via Piave, via Buniva, fino in piazza Facta per poi giungere al Duomo e infine in piazza Vittorio Veneto, davanti al Municipio.

Durante il percorso tanti i cittadini che si sono avvicinati per fare foto e dare anche supporto ai ragazzi: “Condividiamo i contenuti di queste iniziative”, “Stanno facendo una cosa giustissima”, “Era ora!”, sono alcuni dei commenti che hanno accompagnato il loro passaggio. 

Il messaggio dei giovani per la città di Pinerolo è semplice: nel nostro quotidiano impegniamoci per l’ambiente. “Anche se siamo una cittadina piccola ci siamo per sostenere la giustizia climatica - afferma ancora Rebecca -. Dobbiamo impegnarci anche nei gesti quotidiani, come fare la raccolta differenziata. Anche se è una cosa banale, non molti la fanno. Oppure diminuire il consumo della plastica, nonostante le numerose campagne fatte al riguardo, in tanti purtroppo continuano a usarla”. 

Chiara Gallo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium