/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 10 novembre 2019, 15:17

Pinerolo triplica il budget del bilancio partecipativo: ecco le novità per partecipare con il proprio progetto

Nel frattempo, dopo sei mesi dal voto per la scorsa edizione, sono stati affidati i lavori per realizzare la proposta di Fabiano Vodini

Il Parco Olimpico di Pinerolo

Il Parco Olimpico di Pinerolo

Il budget è stato triplicato e il Comune ha messo qualche paletto in più per prevenire l’ondata di esclusioni della prima edizione. Quest’anno per il bilancio partecipativo ci sono sul piatto 100mila euro. Di cosa si tratta? Della possibilità per cittadini e associazioni di proporre dei progetti che valorizzano il patrimonio comunale e vederli finanziati dal Comune, dopo una votazione.

Lo scorso anno c’erano a disposizione 35mila euro e 31 progetti, ma 12 erano stati esclusi e 3 accorpati, alla fine i pinerolesi hanno scelto tra 16: in 1.606 a marzo sono andati a votare e 455 di loro hanno scelto la proposta di Fabiano Vodini di sistemare il Parco Olimpico con giochi per bambini, area cani e spazio per il fitness.

Il Comune nei giorni scorsi ha lanciato il nuovo bando, ma l’opera pensata da Vodini è ancora da realizzare: «Ci sono stati lungaggini burocratiche e la mutua di un dipendente che hanno allungato i tempi, ma lunedì sono stati affidati i lavori alla ditta Baudino Costruzioni» fa il punto l’assessore ai Lavori pubblici Christian Bächstädt.

Il suo collega di Giunta Martino Laurenti, ideatore del Bilancio partecipativo, invece spiega le differenze dallo scorso anno: «Per evitare l’eccessiva frammentazione delle risorse, abbiamo stabilito che un progetto deve costare almeno 25mila euro, spese tecniche e Iva inclusa – riassume l’assessore –. Inoltre è obbligatorio prendere un appuntamento con l’ufficio tecnico entro il 10 gennaio 2019, per verificare che i costi stimati siano quelli effettivi. L’hanno scorso diversi progetti sono stati esclusi per un errore nella stima dei costi».

Le proposte devono essere presentate entro le 11,30 del 31 gennaio 2020 (entro la mezzanotte se tramite Pec) e possono farlo tutti i cittadini pinerolesi con almeno 16 anni di età, da soli o in forma associata. Si possono ripresentare anche i progetti che hanno partecipato alla scorsa edizione.

Sul sito Internet del Comune è presente un vademecum per aiutare i proponenti nell’iter di presentazione.

In molti però si chiedono come l’Amministrazione, a fronte del budget triplicato, possa stare dietro alla realizzazione della proposta o più proposte che vinceranno, visto i ritardi di quest’anno, ma Bächstädt rassicura: «Intanto vediamo quale sarà il progetto o i progetti vincitori, poi lo realizzeremo come previsto».

Marco Bertello

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium