/ Scuola e formazione

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuola e formazione | 09 novembre 2019, 08:50

Inalpi e Coldiretti ancora insieme a Spaggiari per portare il genio di Nespolo tra i banchi

Per il quarto anno consecutivo si conferma l'iniziativa del Diario Scolastico 2019-2020 in Piemonte e in numerose altre regioni italiane

Inalpi e Coldiretti ancora insieme a Spaggiari per portare il genio di Nespolo tra i banchi

Continua l’impegno di Inalpi nei confronti delle nuove generazioni e del mondo della scuola. Per il quarto anno consecutivo, e per il secondo anno con il prezioso contributo di Coldiretti Piemonte, è stato realizzato il Diario Scolastico 2019/20. Un oggetto utile, quotidiano, reso originale e molto gradevole dall’indiscutibile estro artistico di Ugo Nespolo.

Nato quasi per caso dal suggerimento di una maestra, il Diario ha preso sempre più piede tanto che in questa edizione ne sono state stampate oltre 250.000 copie distribuite nelle province di Torino, Asti, Cuneo, Novara e Vercelli ma anche, ed è una delle novità di questa edizione 2019/2020, in numerose città e regioni italiane: da Milano a Roma, dalla Campania alla Basilicata, dalla Puglia alla Calabria, dalla Liguria alla Sicilia per arrivare in Emilia Romagna, le scuole sono state invase da un’ondata di colore e allegria. I Diario è, per Inalpi, un elemento che compone un progetto ancora più ampio, dedicato ai più piccoli e che vede l’azienda di Moretta impegnata con la distribuzione di prodotti lattiero caseari alle scuole materne delle provincie di Cuneo, Torino e Asti, un aiuto sociale per consentire l’abbassamento dei costi mensa e fornire prodotti di alta qualità derivati dalla filiera del buon latte piemontese. Anche le visite in azienda organizzate dalle scuole sono molto gradite da Inalpi, che vede nel rapporto diretto con i piccoli consumatori, una possibilità per spiegare l’importanza dei solidi valori aziendali, oltre a fortificare l’importante rapporto industria/territorio.

Ma le novità dell’edizione 2019/2020 non sono finite, e così il Diario Inalpi è stato associato anche ad un’app fruibile da tablet e cellulari. Un ampliamento del progetto realizzato grazie alla collaborazione con il Gruppo Spaggiari Parma, leader nella fornitura di servizi multimediali per la scuola.

E proprio per suggellare questa collaborazione, si sono ritrovati all’evento “Coldiretti al Castello”, allestito nello splendido scenario del Castello Reale di Moncalieri, tutti i protagonisti di questa bella iniziativa: Roberto Moncalvo – Presidente Coldiretti Piemonte, Ambrogio Invernizzi – Presidente Inalpi SpA, Riccardo Agostini – Amministratore Delegato Gruppo Spaggiari Parma. Un’occasione particolare, per incontrare i fruitori del Diario Scolastico. Un’occasione anche per fare informazione e raccontare ai piccoli spettatori come nasce e come si produce il burro, fatto da latte piemontese 100% di filiera corta e certificata, attraverso una golosa degustazione a base di panne, burro e marmellata.

Un progetto in crescita, quello dei Diari Scolastici, che il Presidente Inalpi – Ambrogio Invernizzi – ha voluto così descrivere: “Lo considero a tutti gli effetti un’opera d’arte e un oggetto bello, ma è anche uno strumento per creare una corretta informazione, perché in un periodo in cui le fake news pare la facciano da padrone, è giusto dare informazioni nate dall’esperienza diretta e con basi scientifiche. Raccontare le varie componenti della meravigliosa filiera del latte piemontese che siamo riusciti a realizzare grazie anche alla collaborazione con Coldiretti Piemonte, con cui oramai da quasi un decennio condividiamo un percorso comune basato su valori solidi e importanti. Sarebbe auspicabile che tutte le aziende tese al raggiungimento della qualità del prodotto, sottraessero parte del budget pubblicitario per fare formazione e corretta informazione”.

“Abbiamo scelto di aderire per il secondo anno consecutivo a questo progetto nell’ottica di portare avanti un lavoro sinergico sul nostro territorio – spiegano Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale -.  Far conoscere nelle scuole, non solo piemontesi ma di tutta Italia, la filiera del latte, le sue proprietà e caratteristiche è utile alla valorizzazione del prodotto stesso che è tra i simboli dell’agricoltura Made in Piemonte. Attraverso testi chiari, curiosità ed esempi concreti, gli studenti e gli insegnanti possono ragionare su diversi argomenti: dal benessere animale all’allevamento, dalle razze tipicamente allevate in Piemonte al meccanismo del prezzo indicizzato che permette una equa remunerazione degli allevatori fino alla storia del formaggio. Si tratta di tematiche che ci stanno particolarmente a cuore poiché il comparto lattiero-caseario piemontese conta numeri importanti: una produzione lorda vendibile di 390 milioni, circa 2000 aziende produttrici e 51 specialità di formaggi. Una partnership, quindi, che ha l’obiettivo di fornire uno strumento pratico ed, allo stesso tempo, educativo”.

"In Gruppo Spaggiari Parma siamo entusiasti di essere partner di questa importante iniziativa – dichiara Riccardo Agostini – Amministratore Delegato Gruppo Spaggiari Parma - La nostra profonda conoscenza del settore scolastico - data da oltre novant'anni di storia - e la nostra leadership nelle piattaforme tecnologiche hanno permesso di diffondere il progetto a quasi tutte le regioni italiane e – grazie alla App da noi sviluppata – di portare ogni giorno contenuti interessanti e interattivi a più di 200mila famiglie".

 

 

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium